Salta al contenuto principale

Apr
/
21
/
2011

AUDIZIONE COMMISSIONI GENOVA

AUDIZIONE COMMISSIONI 8^ e 10^ RIUNITE
GENOVA  18 APRILE 2011

Il Turismo in Liguria è sicuramente il settore che produce la più importante quota di PIL e di occupazione.  E non potrebbe essere diversamente dato che, ormai da lustri, le grandi aziende delle partecipazioni statali e della siderurgia hanno abbandonato il territorio ligure lasciando appunto al turismo e ai porti il compito di “tenere” l’economia  di questa regione..

Apr
/
14
/
2011

Nota del Presidente 14 aprile 2011

A  TUTTI  I  COMPONENTI  DEL  CONSIGLIO  DIRETTIVO
Cari amici, 
siamo particolarmente lieti di comunicarVi quanto registrato nella giornata di ieri :
 

Apr
/
13
/
2011

DAL SENATO MOZIONE UNICA PER LA CATEGORIA

La realizzazione dei distretti turistico-balneari favorirebbe la ripresa degli investimenti e l’occupazione.

Il Sindacato Italiano Balneari aderente alla FIPE/Confcommercio ha preso atto, con piacere, dell’intenzione assunta dall’Assemblea del Senato di unificare le quattro mozioni presentate dalle varie Forze politiche in un unico testo, da approvare la prossima settimana a larga maggioranza o meglio ancora all’unanimità, in ordine alle problematiche che interessano le imprese balneari.

Apr
/
05
/
2011

MIGLIAIA DI IMPRENDITORI BALNEARI A ROMA PER DIFENDERE LA CATEGORIA

Sostegno da esponenti politici dei vari schieramenti
Grande partecipazione e tensione alla manifestazione odierna degli imprenditori balneari giunti da tutta Italia organizzata a Roma dal SIB-Fipe/Confcommercio e dalla FIBA – Confesercenti alla quale hanno aderito anche la CNA e alcune delegazioni regionali dell’Assobalneari e dell’ITB.
Gli imprenditori, indossando le tradizionali magliette del salvataggio, hanno colorato piazza Navona con ombrelloni, bandiere, striscioni ecc.

Apr
/
01
/
2011

TURISMO: PROTESTA BALNEARI IL 5 APRILE DI NUOVO A ROMA PER SOPRAVVIVERE

Oltre 6.000 imprenditori balneari si riuniranno a piazza Navona davanti al Senato per difendere una categoria di 30.000 imprese e un milione di addetti.  
Lasceranno le proprie aziende, dove da settimane stanno lavorando per far in modo che gli italiani ed i turisti stranieri possano, anche quest’estate, trascorrere una serena vacanza al mare, ma loro tranquilli non lo sono affatto.
Sono le migliaia di imprenditori balneari che, da ogni parte d’Italia, si trasferiranno a Roma con ombrelloni, sedie a sdraio, lettini, pattini, occupando pacificamente piazza Navona, il prossimo 5 aprile.
Intendono manifestare per la sopravvivenza delle loro aziende, per le oltre 30.000 famiglie interessate e per il milione di addetti occupati, poiché è venuta meno la certezza del proprio lavoro di imprenditori turistici e di concessionari demaniali.

Se l’Europa e il Governo hanno decretato che, dal 2016, gli stabilimenti balneari debbano essere assegnati tramite gara, condannando di fatto chi per generazioni si  è occupato dei nostri litorali, il più delle volte ridotti a vere e proprie discariche abusive senza alcun tipo di servizio minimo, le imprese del settore non intendono darsi per vinte. E ricordano come le spiagge ripulite, attrezzate e valorizzate costituiscono il fiore all’occhiello dell’offerta turistica nazionale.

Mar
/
08
/
2011

Il 10 marzo oltre 1.000 balneari marceranno su Roma

SIB: CHIEDIAMO IL SOSTEGNO DELLA
PRESIDENTE POLVERINI


Il 10 marzo oltre 1.000 balneari marceranno su Roma
Presidio permanente davanti alla Presidenza della Regione Lazio
NO alle aste per il rinnovo delle concessioni demaniali


Si preannuncia come la seconda marcia su Roma, affollata, colorata, rumorosa ma pacifica, (almeno per adesso), quella che gli imprenditori balneari del Lazio, ma non solo, hanno programmato il 10 marzo per manifestare contro le concessioni balneari all’asta.