Salta al contenuto principale

Nota del Presidente

Apr
/
09
/
2021

IL GOVERNO INDICHI LA DATA DI RIAPERTURA DELLA STAGIONE BALNEARE E SI ATTIVI PER ASSICURARE LA CONTINUITA’ DI LAVORO ALLE IMPRESE DEL SETTORE

Anche il SIB all’Assemblea Straordinaria indetta dalla FIPE Confcommercio del prossimo 13 aprile a Roma e nelle piazze italiane per chiedere al Governo una data certa per la ripartenza dell’economia turistica del Paese
assemblea

Abbiamo concordato con la FIPE Confcommercio, di cui siamo parte integrante ed essenziale, una forma di protesta tanto ordinata nelle modalità di svolgimento imposte dalla situazione pandemica quanto ferma e decisa nei contenuti dettati dall’emergenza economica e sociale del Paese.

Mar
/
09
/
2021

PER I BALNEARI “LA MISURA È COLMA!"

Una giurisprudenza incerta e oscillante non è in grado di supplire al Governo e al Parlamento. Non saranno tollerati ulteriori rinvii o posizioni dilatorie da parte del Governo e del Parlamento che sono chiamati ad intervenire senza indugio per definitiva
lido

Con la sentenza del TAR di Firenze nr. 363 dell’8 marzo 2021 abbiamo l’ulteriore conferma (se ce ne fosse stato ancora bisogno) della necessità e urgenza di un intervento chiarificatore del Governo e del Parlamento sulla questione della durata delle concessioni demaniali marittime.

Feb
/
25
/
2021

COSTITUISCE UNA LACUNA GRAVE DEL “RECOVERY PLAN” NON AVER PREVISTO ALCUN INTERVENTO PER IL CONTRASTO DELL’EROSIONE COSTIERA

Per affrontare questa emergenza nazionale abbiamo chiesto l’inserimento di una specifica Linea di intervento dotata di adeguate risorse
recovery

Nelle Osservazioni inviate alle Commissioni parlamentari che stanno esaminando il  cd Recovery plan (Piano nazionale per la ripresa e la resilienza) abbiamo sottolineato che lo stesso dev’essere anche l’occasione per affrontare e risolvere il fenomeno dell’erosione delle coste italiane: un’emergenza nazionale meritevole di un impegno urgente e straordinario da parte delle Istituzioni sia nazionali che europee.

Feb
/
18
/
2021

IL SIB AI NUOVI MINISTRI: COSTITUISCE UN INTERESSE NAZIONALE LA MESSA IN SICUREZZA DELLA BALNEAZIONE ATTREZZATA ITALIANA

I balneari italiani pronti a fornire il proprio contributo per la rinascita del Paese
lido

Negli auguri di buon lavoro che abbiamo inviato al Presidente Mario Draghi, al neo Ministro al Turismo, a quello agli Affari Regionali e a quello alle Infrastrutture e Trasporti, abbiamo espresso e sottolineato la grande preoccupazione dei balneari italiani per la mancata soluzione dei problemi che li riguardano ad iniziare dal rischio della perdita delle aziende e del lavoro a causa della Direttiva Bolkestein.

Feb
/
17
/
2021

LA RISPOSTA AL SOLITO INTERPELLO EUROPARLAMENTARE DIVENTA L’ENNESIMA OCCASIONE PER CREARE CONFUSIONE E ATTACCARE LA BALENAZIONE ITALIANA

“La dichiarazione di Breton non è la risposta della Commissione Europea alle controdeduzioni del Governo italiano per i chiarimenti chiesti sulla normativa di settore”
sib europa

È da restare basiti per il clamore mediatico e le confuse interpretazioni generate dall’ultima rituale e stantia risposta del Commissario europeo Thierry Breton alla consueta e periodica interrogazione rivolta da alcuni europarlamentari sull’applicabilità alle concessioni balneari della cd Bolkestein. 

Feb
/
12
/
2021

LA GIURISPRUDENZA DEL TAR DI LECCE SUPERA IL PRIMO ESAME DA PARTE DEL CONSIGLIO DI STATO

Non sono state sospese le sentenze del TAR di Lecce che avevano dichiarato illegittimo la non applicazione della legge nr. 145/2018 da parte dei Comuni
lido

La giurisprudenza del TAR di Lecce sull’applicazione della legge nr. 145/2018 non è stata contraddetta dal Consiglio di Stato.

Infatti, il TAR di Lecce aveva dichiarato illegittimo la non applicazione della legge nr. 145/2018 da parte di un Comune salentino.

Feb
/
02
/
2021

LA CORTE COSTITUZIONALE NEL RIBADIRE LA COMPETENZA DELLO STATO IN MATERIA, AFFERMA CHE IL RIORDINO DEL SETTORE DEBBA AVVENIRE CON L’APPLICAZIONE DELLA LEGGE 145/2018

lido

La corte costituzionale con la sua ultima sentenza in materia di concessione demaniale nr. 10 del 29 gennaio scorso, non fa altro che ribadire il proprio costante orientamento che attribuisce allo Stato nazionale la competenza esclusiva per disciplinare il settore.

Non contesta la nazionale di riordino nr.145/2018.

Anzi!

Gen
/
27
/
2021

IL SIB CONTRASTERA’ ANCHE IN SEDE GIUDIZIARIA L’IRRESPONSABILE INIZIATIVA DEL COMUNE DI ROMA

E’ odiosamente ingiusto il tentativo di confisca di aziende balneari perfettamente legittime e operanti con indebito arricchimento di terzi scelti con modalità arbitrarie
sib ostia

Come è noto il Comune di Roma, unico in Italia, ha messo a gara gli stabilimenti balneari di Ostia regolarmente assentiti e attualmente operanti.

Si tratta di una decisione grave che abbiamo già tempestivamente e fermamente stigmatizzato in quanto, a nostro avviso, oltre ad essere illegittima, è dannosa turisticamente perché favorisce affidamenti precari che penalizzano la qualità dei servizi.

Gen
/
26
/
2021

LO STATO ITALIANO DIFENDA LA LEGGE 145/2018 NELLA RISPOSTA ALLA LETTERA DI CHIARIMENTI DELLA COMMISSIONE

Sono molteplici e solide le argomentazioni tecnico giuridiche che lo Stato Italiano può validamente sostenere a difesa della legge nr. 145/2018 e a salvaguardia di un settore strategico del nostro Paese
capacchione

Abbiamo avuto oggi un incontro con gli Alti rappresentanti di diversi Ministeri che ci hanno convocato per ascoltare le nostre valutazioni sulla Lettera di messa in mora inviata dalla Commissione Europea.

Gen
/
15
/
2021

IL TAR DI LECCE RICONOSCE IL DIRITTO DEI CONCESSIONARI ALLA ESTENSIONE DELLA DURATA PREVISTA DALLA LEGGE NR. 145/2018

Le proroghe cd tecniche annuali sono illegittime in quanto i comuni hanno l’obbligo di applicare la legge nr. 145/2018
demanio

Le sentenze del TAR di Lecce nr.71, 72, 73, 74 e 75 depositate oggi ribadiscono, con ulteriori motivi e nonostante la richiesta di chiarimenti della CE, l’orientamento già espresso con la precedente sentenza nr. 1321 del 27 novembre 2020 per cui non spetta alla pubblica amministrazione disapplicare la legge nr. 145/2018.

Ma v’è di più!