Salta al contenuto principale

S.I.B. Caserta lancia prima iniziativa Crowfounding (donazioni on line) per munire tutto litorale di Sedie Job per disabili

Apr
/
24
/
2018
caserta

Cos’è “Litorale d’aMare”?

Il progetto “Litorale d’aMare” mira a sensibilizzare e a dare una risposta al problema dei disabili, in maniera particolare sul tema del turismo accessibile in un territorio che desidera attivarsi e diventare esempio in questa tematica.
Si affronterà il tema della disabilità attraverso la possibilità di dotare gli stabilimenti balneari del litorale Domizio-flegreo di ausili che consentano ai disabili di migliorare la loro esperienza negli stabilimenti balneari, permettendogli di muoversi tra la spiaggia e il mare. In maniera tale da mitigare quello che è il disagio e la difficoltà anche in un momento che dovrebbe essere di svago. Questo oltre ad aiutare il singolo utente si spera essere un ottimo esempio per sensibilizzare l’opinione pubblica e le Autorità al problema della disabilità e delle barriere architettoniche nell’ottica di un turismo aperto a tutti, che faccia da bestpractice per il territorio rendendolo nuovo punto di riferimento per il turismo accessibile.

Chi siamo?

Il Sindacato, nato formalmente nel 1960, associa le aziende turistico-balneari di tutte le regioni d’Italia bagnate dal mare, gestite sul demanio marittimo in regime di concessione. Assicura l’assistenza alle imprese di tutti i comuni costieri con propri rappresentanti o con le organizzazioni locali della Fipe e della Confcommercio – Confturismo per tutti gli eventi anche quelli calamitosi.

Cosa intendiamo fare?

Con questo progetto intendiamo acquistare sedie JOB da affidare agli stabilimenti balneari del litorale Domizio Flegreo.
Job risponde all’esigenza delle persone con disabilità di avere un prodotto specifico per le vacanze e soprattutto per la balneazione.
La Neatech ha ideato e prodotto “J’amme ‘o bagno” il quale non è solo l’accattivante invito in napoletano a farsi il bagno in mare, anzi la J.O.B. ha risolto efficacemente il problema legato all’impossibilità di persone con disabilità o limitazioni temporanee di entrare in acqua, soddisfacendo in questo modo la naturale voglia di mare e il clima di divertimento e spensieratezza che caratterizzano una giornata di vacanza.

Perché donare per questo progetto?

Lo strumento con il quale si vogliono dotare gli stabilimenti balneari rappresenta un’innovazione non ancora molto diffusa sul nostro territorio e costituirà sicuramente un ottimo primo passo per un turismo accessibile anche nell’ottica del rilancio del territorio. Le associazioni e le famiglie con disabili sono sempre molto attente alla tematica del turismo accessibile, ma hanno sempre tante difficoltà ad intercettare un’offerta adeguata alle proprie esigenze sul nostro territorio, inoltre gli stabilimenti saranno messi in prima linea nella duplice veste di "sostenitori" e “beneficiari” del progetto in quanto destinatari della sedia JOB.