Salta al contenuto principale

LA BATTAGLIA CONTRO L’ERRATA APPLICAZIONE DELLA BOLKESTEIN AL SETTORE NON POTRA’ DIRSI TERMINATA SE NON CON LA MESSA IN SICUREZZA EFFETTIVA DI TUTTE LE AZIENDE BALNEARI ESISTENTI

Mag
/
17
/
2021
"L'entusiasmo per la ripartenza delle nostre attività non attenui la consapevolezza sui rischi che stanno correndo molti colleghi e, con essi, la balneazione attrezzata italiana nel suo complesso"
cd sib

Il Consiglio Direttivo nazionale del SIB nei giorni scorsi, stante l’urgenza e l’importanza delle questioni da affrontare, si è riunito in seduta straordinaria e con la partecipazione in presenza nonostante le difficoltà del periodo dovute sia alla situazione pandemica in corso che agli impegni per completare gli allestimenti delle proprie aziende.

Abbiamo esaminato l’evolversi della vicenda relativa alle concessioni demaniali marittime e adottato importanti decisioni in ordine sia alla strategia che alle modalità organizzative della nostra azione sindacale.

La situazione continua, infatti, ad essere assai delicata perché la messa in sicurezza della balneazione attrezzata italiana, a causa dei ritardi e delle difficoltà nell’applicazione della legge nr. 145/2018, costituisce un obbiettivo ancora da conseguire per molte aziende e in diversi territori.

Sarebbe pericoloso sottovalutare le iniziative giudiziarie dell'Antitrust avverso i provvedimenti applicativi della stessa legge così come è rischioso trascurare l’iniziativa della Commissione europea sulla normativa italiana di settore.

Sarebbe, infine, miope non vedere la vergognosa campagna mediatica contro le nostre aziende da parte di ben segnalati gruppi di potere economico.

A seguito di ampio e approfondito esame, il Direttivo nazionale ha ritenuto importante ma non sufficiente l’interlocuzione, che continua ad essere forte e intensa, con le Istituzioni interessate, sia a livello burocratico che politico.

Si è, quindi, deciso:

•       di far valere le ragioni dei balneari anche sul “fronte giudiziario” attraverso il nostro intervento processuale in tutte le controversie giudiziarie intraprese dall’Antitrust;

•      di intraprendere iniziative che valorizzino la funzione sociale della balneazione attrezzata italiana;

•      di potenziare l’Organizzazione sindacale anche attraverso il rafforzamento della strategia unitaria per renderla maggiormente efficace nella difesa della categoria.

Nelle prossime settimane si decide il futuro delle nostre aziende e con esse di un pezzo importante e significativo del nostro Made in Italy.

È bene che tutti i balneari ne siano consapevoli.

Oggi più che mai serve la loro unità e, soprattutto, la loro determinazione.