Salta al contenuto principale

CAPACCHIONE: I BALNEARI SONO “LE SENTINELLE" DELLA NOSTRA COSTA

Lug
/
16
/
2021
“È interesse e impegno dei balneari avere un mare pulito e una costa bella”
capacchione

Il presidente nazionale del SIB, Antonio Capacchione è intervenuto alla I^ Conferenza nazionale dei paesaggi costieri organizzata a Lecce da Legambiente e intitolata quest'anno “Coste in movimento". Nel suo intervento nella tavola rotonda conclusiva della I^ giornata, il presidente Capacchione ha, tra l’altro, evidenziato come i balneari sono impegnati per la tutela e la valorizzazione del mare e delle coste perché perfettamente consapevoli che un mare pulito e la bellezza della costa costituiscono la “materia prima" del loro lavoro.

Da sempre costituiscono le prime “Sentinelle" delle criticità come l'inquinamento marino o l'erosione delle coste. I balneari lavorano grazie al “bello" e al “pulito".

Ecco perché sarebbe utile ed opportuno da parte delle Istituzioni un loro maggior coinvolgimento sulle decisioni riguardanti gli investimenti pubblici in materia.

L’applicazione della legge 145/2018 è l’occasione per finalmente avviare l’ineludibile processo riformatore della disciplina giuridica della materia anche per evitare conflitti Istituzionali e contenziosi dannosi per tutti.

Si pensi all’assenza persino di una definizione giuridica di “costa” o della confusione sulla natura giuridica dei cd “piani di utilizzazione del demanio” se strumenti di pianificazione o di programmazione.

Il PNRR costituisce l'occasione per la messa in sicurezza delle nostre coste con un'efficace azione di contrasto del fenomeno erosivo così anche per il contrasto dell’inquinamento ambientale.

Servono progetti di qualità con il coinvolgimento delle Università e tempestività di esecuzione con un significativo processo di sburocratizzazione e semplificazione.

I balneari sono disposti a fare la loro parte per anche potenziare questi interventi anche con investimenti privati se solo fossero messi nelle condizioni di avere certezza sul futuro delle loro aziende e del loro lavoro con la soluzione definitiva della questione relativa alla durata delle concessioni demaniali marittime.