Salta al contenuto principale

TURISMO: CANONI DEMANIALI, SOLUZIONE VICINA?

Giu
/
22
/
2005

Imprenditori balneari ottimisti dopo l’incontro con la Commissione Turismo di FI “Siamo moderatamente ottimisti che il problema relativo all’aumento del 300% dei canoni demaniali marittimi abbia l’attenzione che meriti e che si possa immaginare una soluzione positiva in tempi brevi”. Queste le dichiarazioni di Riccardo Borgo – Presidente del S.I.B. Sindacato Italiano Balneari FIPE/Confcommercio, oggi, dopo l’incontro alla Commissione Turismo di Forza Italia con l’On.le Elio Vito, capogruppo del partito alla Camera dei Deputati. L’incontro è stata l’occasione sia per esaminare l’art. 14 del Disegno di Legge sulla Competitività in discussione alla Camera dei Deputati, sia per analizzare le proposte per uno sviluppo turistico che, superando l’attuale momento di difficoltà, si possa riprendere puntando su qualità, investimenti, semplificazione delle procedure e comunicazione. Per la Confcommercio hanno partecipato, tra gli altri, i vicepresidenti del S.I.B. Giancarlo Cappelli e Graziano Giannessi, i quali, pur condividendo l’iniziativa, hanno evidenziato la drammaticità della situazione che scaturisce dal persistere di una norma che prevede oggi, di fatto, una quadruplicazione dei canoni demaniali marittimi ad uso turistico-ricreativo. Gli altri parlamentari presenti, On.le Cesare Campa, On.le Gianfranco Conte, On.le Guido Crosetto e On.le Antonio Leone, poi, hanno garantito che porranno anche in sede governativa la necessità di arrivare al più presto ad una soluzione che tenga conto delle richieste degli imprenditori balneari e che assicuri gli attuali livelli occupazionali. Roma, 22 giugno 2005

Allegato